La settimana appena passata è stata caratterizzata dallo scandalo Facebook-Cambridge Analytica: la società di consulenza, ora sospesa dal social di Zuckerberg, tramite un’applicazione che prevedeva il login via Facebook avrebbe raccolto informazioni su migliaia di utenti, tracciandone una sorta di profilo psicologico e sociale. L’accusa più grave è che Cambridge Analytica abbia poi sfruttato i dati per influenzare i risultati delle presidenziali americane e del referendum relativo alla Brexit.

Nel frattempo, il collettivo hacktivista Anonymous ha continuato a colpire realtà italiane, mettendo a segno azioni ai danni dei portali ufficiali della Confcommercio di Bari e Bisceglie e a quello dell’UDAI (Unione degli Avvocati d’Italia) di Barletta, Andria e Trani.

Nel corso delle elezioni in Russia, caratterizzate dal trionfo di Putin, la CEC (Central Election Commission) ha reso noto di aver subito un tentativo di attacco DDoS cominciato intorno alle 2 di notte e protrattosi per 3 ore.

Infine, si segnala una nuova attività del gruppo sponsorizzato dal Cremlino APT 28 (Sofacy, Fancy Bear) che, tramite l’exploit tool DealersChoice, ha targettizzato un’agenzia governativa europea.

EMAIL WEEKLY

Aggiornati velocemente con il nostro weekly threats in email

Le immagini presenti nei post sono dettagli di antiche incisioni giapponesi che raffigurano samurai alle prese con demoni e creature mitologiche. Alcuni approfondimenti: Watanabe no Tsuna, Utagawa Kunioshi